italian metal

Login



        

Registrati
Password dimenticata?
Nome utente dimenticato?

Ultimi Commenti

[09/12/2016] Davide
Alltheniko: on-line il nuovo sing...
Che figata!
[29/10/2016] Rod
Rod Sacred - Submission
Grazie mille, gentilissimi, non ho parole!
[27/07/2016] Leo
Myriad Lights - Kingdom of Sand
Se chiudi gli occhi quando ascolti questa musica sembra di essere eseguita da ba...
[22/07/2016] Francesco76
Infected: anteprima da 'Judgment ...
Complimenti ragazzi siete fantastici.....Gianmarco sei GRANDE
[18/07/2016] Dario Cattaneo
Ibridoma - December
Mi scuso per i toni accesi, tra l'altro rivolto a te che appunto non c'entravi, ...
[18/07/2016] Gabriele
Ibridoma - December
Ti ringrazio per la segnalazione, ho già provveduto a contattare lo staff dell'a...

On the Net

facebooktwittermyspacelast.fm
Wizard - The Evolution of Love
Scritto da Gabriele Nunziante   
Lunedì 23 Gennaio 2017 10:00
Wizard - The Evolution of LoveDopo il ritorno discografico nel 2014 con l'EP 'Straight to the Unknown' l'unico passo che attendavamo da parte dei Wizard era la pubblicazione del loro primo full-length, atteso lungamente se si pensa che la formazione è nata a fine anni '70 e, fra scioglimenti e reunion, è prossima oramai ai vent'anni di attività. 'The Evolution of Love' segna il debutto definitivo per la band partenopea guidata da Tiziano Favero e Rino Musella, un debutto all'insegna del grande hard rock e marchiato a fuoco dalle chitarre del nuovo axeman, Marco Perrone.

Rispetto all'EP di due anni fa i Wizard non hanno certo cambiato rotta: con 'The Evolution of Love' ci ritroviamo al cospetto di un album centrato essenzialmente sul grande hard rock ottantiano ma con una verve più moderna, qualche accenno ora più funky ora più progressive, qualche ripresa heavy e sempre grande attenzione agli arrangiamenti. Al fianco dei due storici componenti della band, Tiziano Favero (voce e basso) e Rino Musella (batteria), troviamo poi il giovane innesto rappresentato da Marco Perrone, chitarrista che non poco ha portato nel sound dei Wizard, un sound maturo e pieno di divagazioni strumentali che lo caratterizzano dalla prima all'ultima traccia.

"W3/79" è il brano con cui i Wizard ci accolgono in 'The Evolution of Love', una strumentale che mette bene in chiaro le coordinate stilistiche della band: un hard rock dalle punte progressive e con grande attenzione agli arrangiamenti. "You got the Feeling" rincara la dose, ancor più rockeggiante nelle chitarre di Marco Perrone e nel cantato ruvido e di spessore di Tiziano Favero: i Wizard puntano sì su refrain facilmente orecchiabili e dalla grande presa melodica, ma non lesino su riprese più lontane dal mainstream radiofonico, a partire dalle lunghe sezioni di chitarra fino alle impennate di velocità guidate dalla batteria di Rino Musella. "The Walking Dead", primo singolo estratto dal disco, rincara ulteriormente la mazzata sonora, con i nostri che mostrano un piglio vicino all'heavy ma sempre rockeggianti nelle intenzioni: rocciosi nel suono, con un refrain potente e dal taglio moderno ma non troppo, i Wizard si lanciano a capofitto in uno dei brani più interessanti del lotto. "The Five Lands (Prelude)" è l'intro di chitarra acustica, delicato e sognante, che i Wizard antepongono a "Take me Away", brano lontano dalla classica ballad e con un'anima rockeggiante che non manca di venir fuori: qui la band mette in mostra tutta la preparazione e, complice un ottimo arrangiamento, riesce a segnare un altro punto a loro favore. "Mainline" riprende la strada più rockeggiante e ottantiana, un brano scanzonato che ancora una volta trova nelle chitarre di Marco Perrone il giusto compimento, mentre "Loneliness" ha un'aria più malinconica, una ballad vecchio stile emozionante nel cantato di Tiziano Favero. "Metaphysical Journey" è una strumentale che si discosta leggermente da quanto ascoltato fin qui, visto che i Wizard sembrano ritornare al grande hard rock anni settanta e alle improvvisazioni proprie del genere, un viaggio tanto metafisico quanto strumentale degno delle grandi formazioni del periodo. "The Eden" è un'altra breve strumentale tutta dal gusto cinematografico, mentre la title-track, "The Evolution of Love", è un altro hard rock che cerca di uscire dagli schemi unendo sonorità più classiche a un rinnovato vigore più moderno, potente nelle melodie quanto nelle riprese più rocciose. Chiude "Lucy is Coming", brano che non si discosta molto dal precedente pur rincarando il voltaggio e regalandoci un'altra valida traccia per questo disco.

I Wizard si presentano nel migliore dei modi all'atteso full-length di "debutto": 'The Evolution of Love' è un disco valido per tutta la sua durata, vario nei generi mostrati pur senza snaturare il corso della band. Il lavoro (e gli anni) dietro questo disco si sentono in ogni singola traccia, e meglio non possiamo chiedere a una band con questa esperienza. È per questo che 'The Evolution of Love' viene promosso a pieni voti e che premiamo la perseveranza dei nostri in tutti questi anni. Avanti così.



Tracklist:
1 - W3/79
2 - You got the Feeling
3 - The Walking Dead
4 - The Five Lands (Prelude)
5 - Take me Away
6 - Mainline
7 - Loneliness
8 - Metaphysical Journey
9 - The Eden
10 - The Evolution of Love
11 - Lucy is Coming
Formazione:
Tiziano Favero - voce, basso
Marco Perrone - chitarra
Rino Musella - batteria


 

Attualmente l'inserimento dei commenti è disabilitato per gli utenti non registrati.
Effettua il login o la registrazione per lasciare un commento.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per informazioni sui cookie utilizzati e come cancellarli, leggi la nostra cookie policy.

Accetto cookies da questo sito.