italian metal

Login



        

Registrati
Password dimenticata?
Nome utente dimenticato?

Ultimi Commenti

[09/12/2016] Davide
Alltheniko: on-line il nuovo sing...
Che figata!
[29/10/2016] Rod
Rod Sacred - Submission
Grazie mille, gentilissimi, non ho parole!
[27/07/2016] Leo
Myriad Lights - Kingdom of Sand
Se chiudi gli occhi quando ascolti questa musica sembra di essere eseguita da ba...
[22/07/2016] Francesco76
Infected: anteprima da 'Judgment ...
Complimenti ragazzi siete fantastici.....Gianmarco sei GRANDE
[18/07/2016] Dario Cattaneo
Ibridoma - December
Mi scuso per i toni accesi, tra l'altro rivolto a te che appunto non c'entravi, ...
[18/07/2016] Gabriele
Ibridoma - December
Ti ringrazio per la segnalazione, ho già provveduto a contattare lo staff dell'a...

On the Net

facebooktwittermyspacelast.fm
Abysmal Grief / Epitaph - Dies Funeris / Farewell to Blind Men
Scritto da Gabriele Nunziante   
Giovedì 29 Settembre 2016 09:00
Abysmal Grief / Epitaph - Dies Funeris / Farewell to Blind MenIl sodalizio fra Abysmal Grief e Epitaph, reduci da un tour europeo nell'aprile di questo 2016, si consolida con la pubblicazione da parte del trittico Horror Records / High Roller Records / Terror from Hell Records di questo split in vinile. 'Dies Funeris / Farewell to Blind Men' contiene al suo interno un brano a testa per le due band heavy doom metal, due tracce che superano ampiamente i 10 minuti e che non passeranno certo inosservate ai fanatici di queste sonorità.

Due band che non hanno bisogno di presentazioni, ma per ragioni certo diverse: da una parte abbiamo gli Abysmal Grief, una realtà che pur attiva dal 1995 ha fatto parlare molto di sé a partire dal 2007, inanellando una serie di uscite discografiche (4 full-length, 5 EP e svariate altre produzioni fra singoli, split e raccolte) tutte di buon livello e che ne hanno portato il nome all'attenzione della scena italiana e europea; dall'altra gli Epitaph, gruppo leggendario della scena italiana di fine anni '80, risorto dalla propria cripta e tornato prepotentemente sulle scene nel 2014 con il primo full-length della propria carriera: 'Crawling Out of the Crypt'. Entrambe le band condividono le radici del proprio sound, un doom con tratteggi heavy che se negli Abysmal Grief propende più verso il lato più occulto e mefistofelico, negli Epitaph si ammanta di una chiara ispirazione heavy metal ottantiana dai tratti oscuri.

Il primo lato del vinile, pubblicato in 500 copie, è occupato da "Dies Funeris", brano inedito degli Abysmal Grief. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare vista la recente uscita di 'Strange Rites of Evil', ultimo LP sotto Terror from Hell Records, ci troviamo al cospetto di un brano più orientato all'heavy rispetto alle tante contaminazioni a cui gli Abysmal ci hanno abituato nei precedenti lavori. La band mette in pista un brano che ha un incedere sicuro, mai lento e lontano anche dal cantato più sgraziato a cui Labes C. Necrothytus ci ha abituati. Rimangono però gli inconfondibili riff di chitarra di Regen Graves e i tappeti di tastiere a sottolineare come i riferimenti siano sempre gli stessi, ma non possiamo che apprezzare questa svolta più heavy doom del combo ligure: "Dies Funeris" nei suoi 11 minuti è sempre incalzante, non presenta sezioni più deboli ed è un ottimo punto a favore della band in vista della pubblicazione del nuovo disco.

Abysmal Grief / Epitaph - Dies Funeris / Farewell to Blind MenIl secondo lato è tutto per gli Epitaph, e i fan del metal italiano non potranno che esaltarsi davanti a quello che "Farewell to Blind Men" rappresenta: un medley del primo, indimenticabile album dei Black Hole. I più sapranno infatti che gli Epitah vennero fondati dopo l'esperienza Black Hole da Nicola Murari e Mauro Tollini, i quali con i moniker Nicholas Murray e Luther Gordon registrarono insieme a Robert Measles nel 1985 'Land of Mystery', uno degli album più particolari della scena musicale italiana del periodo. Gli Epitaph omaggiano a trent'anni di distanza quel disco con un medley che in ben 15 minuti ne ripercorre tutti i brani, regalandoci un'esperienza unica, ricca di riff indimenticabili. Il cantato di Emiliano Cioffi emula in maniera più doom e sentita le parti che furono di Robert Measles e la band, priva dell'influenza del sintetizzatore, ispessisce ulteriormente il proprio sound a favore di un vero heavy doom metal: da "Blind Men and Occult Forces" alla title-track, passando per l'inconfondibile "Demoniac City", gli Epitaph ci regalano un brano solido e ben arrangiato che girerà più e più volte sul vostro stereo.

'Dies Funeris / Farewell to Blind Men' è uno split ottimamente riuscito: gli Abysmal Grief si dimostrano una realtà sempre più solida, gli Epitaph omaggiano il proprio passato con un brano riuscito e che non mancherà di convincere i nostalgici. In attesa dei rispettivi nuovi full-length delle band, questo split rimane dunque un ascolto assolutamente consigliato.



Tracklist:
1 - Dies Funeris (Abysmal Grief) - 11:30
2 - Farewell to Blind Men (Epitaph) - 15:31
Formazione:
Abysmal Grief:
Labes C.Necrothytus - voce, tastiere
Regen Graves - chitarra
Lord Alastair - basso
Lord of Fog - batteria

Epitaph:
Emiliano Cioffi - voce
Lorenzo Loatelli - chitarra
Nicola Murari - basso
Mauro Tollini - batteria, voce secondaria

Guest:
Carlotta Ottonello - violino
Marco Baschera - tastiere


 

Attualmente l'inserimento dei commenti è disabilitato per gli utenti non registrati.
Effettua il login o la registrazione per lasciare un commento.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per informazioni sui cookie utilizzati e come cancellarli, leggi la nostra cookie policy.

Accetto cookies da questo sito.