italian metal

Login



        

Registrati
Password dimenticata?
Nome utente dimenticato?

Ultimi Commenti

[09/12/2016] Davide
Alltheniko: on-line il nuovo sing...
Che figata!
[29/10/2016] Rod
Rod Sacred - Submission
Grazie mille, gentilissimi, non ho parole!
[27/07/2016] Leo
Myriad Lights - Kingdom of Sand
Se chiudi gli occhi quando ascolti questa musica sembra di essere eseguita da ba...
[22/07/2016] Francesco76
Infected: anteprima da 'Judgment ...
Complimenti ragazzi siete fantastici.....Gianmarco sei GRANDE
[18/07/2016] Dario Cattaneo
Ibridoma - December
Mi scuso per i toni accesi, tra l'altro rivolto a te che appunto non c'entravi, ...
[18/07/2016] Gabriele
Ibridoma - December
Ti ringrazio per la segnalazione, ho già provveduto a contattare lo staff dell'a...

On the Net

facebooktwittermyspacelast.fm
Interceptor - Wise is the Beast... but the Hunter doesn't Know
Scritto da Gabriele Nunziante   
Lunedì 08 Dicembre 2014 10:00
Interceptor - Wise is the Beast... but the Hunter doesn't KnowRiconoscibili fin dal titolo del nuovo disco tanto quanto dall'artwork presentante la "bestia" marchiata dal simbolo dello speed metal, i pescaresi Interceptor debuttano ufficialmente con il loro primo full-length a tre anni dall'EP 'One with the Beast... Meet with the Damned', un lavoro che li aveva fatti conoscere ma con cui la band ancora non era riuscita ad esprimere il meglio di sé. Con questo 'Wise is the Beast... but the Hunter doesn't Know', pubblicato a fine ottobre 2014 dalla StormSpell Records, la band cerca un'ulteriore conferma, questa volta a livello europeo, e lo fa con 10 inediti (e una cover dei Def Leppard) che cercano di rievocare quello speed / thrash metal ottantiano che anche in Italia ha trovato pochi ma fedeli seguaci.

In tre anni la proposta degli Interceptor non è mutata poi di molto: un solo cambio di line-up, nessun cambio di direzione sulle tematiche e influenze musicali. 'Wise is the Beast...' è dunque un concentrato di speed metal dalle influenze ora thrash ora heavy, potentissimo e tiratissimo tanto nelle sfuriate di chitarra quanto nel cantato di Fausto Di Persio, tratto caratterizzante della band. Nel bene e nel male, l'album non si distanzia dunque da quel loro primo EP datato 2011, tanto che potrà convincere gli appassionati del genere, ma difficilmente farà breccia nell'ascoltatore casuale. Con 'One with the Beast...' ci eravamo infatti augurati un passo avanti da parte della band, cosa che difficilmente possiamo dire avvenuta, ma il risultato è valido e tanto ci basta.

Dopo un breve intro, "With Great Powers...", piuttosto particolare e che avremmo visto bene più che altro in un disco di power metal europeo, si parte direttamente in quinta con "Sturm und Drang", una scarica di martellate batteristiche e velocissimi riff di chitarra, il tutto sovrastato da un cantato leggermente eccessivo, nella foga quanto nei volumi di registrazione, tanto che le due parti, quella strumentale e quella cantata, paiono quasi "scollate" fra di loro. Il brano è comunque un biglietto da visita che da subito ci fa intendere cosa dovremo aspettarci nei 40 minuti successivi: gli Interceptor non sono qui per proporci altro che una colata lavica di speed metal, senza guardare in faccia nessuno e senza fermarsi neanche per un secondo. È così che "Insane by Wrath" sembra proseguire sulla stessa direzione, poggiandosi fieramente sulla batteria martellante di Leonardo De Donatis e sulle veloci riprese di chitarra della coppia D'Onofrio / Gramenzi, in quello che però sembra un brano senza capo né coda, uno speed metal ai limiti dell'estremo in cui solo la sezione strumentale centrale riesce a farsi riconoscere e apprezzare del tutto. "Flag of the Fallin' Peace (Pieces)" riesce già a convincere di più, traccia che dritta come un treno trae maggiore ispirazione dall'heavy propriamente detto, regalandosi una forma più strutturata e compatta, ma è da "Cryptonomicon" in avanti che l'album acquisisce finalmente una piega più convincente, a partire da questo quinto brano che con un refrain da puro live e splendide riprese chitarristiche ci mostra lo speed/thrash più convincente degli Interceptor. "Steelbreaker", neanche a dirlo, è un brano dal taglio tipicamente heavy ma estremizzato dallo speed della band, fra i più convincenti dell'intero album: gli Interceptor finalmente costruiscono un brano ragionato dall'inizio alla fine, senza farsi troppo trascinare da quella "bestia" che nei brani precedenti sembrava aver preso il controllo su di loro. Brevissimo intermezzo strumentale con "Remeber...", quindi è la title-track a catturare la scena: anche in questo caso gli Interceptor si dimostrano più ragionati e meno istintivi, con una traccia che fa dello speed metal una bandiera sventolata con onore dai cinque pescaresi. E sembra proprio che gli Interceptor abbiano concentrato tutti i brani migliori in questa seconda parte del disco, perché anche "To Be is Not" è un altro centro da parte della band, speed coi controcoglioni che pesta a dovere per 5 minuti, così come la successiva "Fortuna Meretrix Mundi", dove la band in gran spolvero decide di giocarsi il tutto e per tutto con uno speed / thrash di grande impatto, accattivante nei versi tanto quanto nelle parti di chitarra, trascinanti e sempre azzeccate. C'è ancora la cover di "Me and My Wine" dei Def Leppard, ma quella la lasceremo scoprire a chi ascolterà l'album.

Un lavoro dunque altalenante quello degli Interceptor: se dovessimo fermarci ai primi 4/5 brani il risultato sarebbe poco più che sufficiente, ma una seconda parte in gran spolvero fa riacquistare punti alla formazione, mostrandoci di cosa sono effettivamente capaci. 'Wise is the Beast...' diventa così un album difficilmente consigliabile a più che gli appassionati del genere, ma la band, se proseguirà sugli ottimi brani evidenziati, potrebbe con il prossimo album fare il decisivo salto in avanti e conquistarsi un posto di rilievo nella scena speed italiana, lì dove formazioni come Alltheniko, Baphomet's Blood, Asgard e Iron Jaws - giusto per citarne alcune - si sono già da anni insediate.



Tracklist:
1 - Intro (With Great Powers...) - 1:30
2 - Sturm und Drang - 3:51
3 - Insane by Wrath - 4:40
4 - Flag of the Fallin' Peace (Pieces) - 3:28
5 - Cryptonomicon - 3:44
6 - Steelbreaker - 4:33
7 - Remeber... - 1:18
8 - Wise is the Beast... but the Hunter doesn't Know - 5:12
9 - To Be is Not - 4:49
10 - Fortuna Meretrix Mundi - 6:23
11 - Me and My Wine (Def Leppard cover) – 3:57
Formazione:
Fausto "Faustmaster" Di Persio - voce
Christian "Gill" D'Onofrio - chitarra
Riccardo "Triumfather" Gramenzi - chitarra
Lorenzo "Scoppiato" Mazzocco - basso
Leonardo "Spillo" De Donatis - batteria


 

Commenti 

 
# Eugenio Giordano 2014-12-08 20:27
la demo One with the Beast... Meet with the Damned era spettacolare questo disco è stato posticipato a febbraio 2015 dalla StormSpell Rec americana e uscirà come volume 8 della collana Trend Killers www.facebook.com/.../?type=1&theater
 
 
# Faustmaster 2014-12-10 02:27
Mi sta piu' che bene ...
ringrazio personalmente la Redazione & il Recensitore !

Il frontman ( o frontbeast ) degli INTERCEPTOR
 
 
# Lele DiAnno 2015-01-02 16:47
Il tizio decollato ricorda Borghezio, o gli occhi mi giocano uno scherzo?
 

Attualmente l'inserimento dei commenti è disabilitato per gli utenti non registrati.
Effettua il login o la registrazione per lasciare un commento.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per informazioni sui cookie utilizzati e come cancellarli, leggi la nostra cookie policy.

Accetto cookies da questo sito.