italian metal

Login



        

Registrati
Password dimenticata?
Nome utente dimenticato?

Ultimi Commenti

[09/12/2016] Davide
Alltheniko: on-line il nuovo sing...
Che figata!
[29/10/2016] Rod
Rod Sacred - Submission
Grazie mille, gentilissimi, non ho parole!
[27/07/2016] Leo
Myriad Lights - Kingdom of Sand
Se chiudi gli occhi quando ascolti questa musica sembra di essere eseguita da ba...
[22/07/2016] Francesco76
Infected: anteprima da 'Judgment ...
Complimenti ragazzi siete fantastici.....Gianmarco sei GRANDE
[18/07/2016] Dario Cattaneo
Ibridoma - December
Mi scuso per i toni accesi, tra l'altro rivolto a te che appunto non c'entravi, ...
[18/07/2016] Gabriele
Ibridoma - December
Ti ringrazio per la segnalazione, ho già provveduto a contattare lo staff dell'a...

On the Net

facebooktwittermyspacelast.fm
Nightglow - We Rise
Scritto da Gabriele Nunziante   
Lunedì 08 Luglio 2013 09:00
Nightglow - We RiseÈ sempre un piacere quando un gruppo, conosciuto soprattutto per essere la tribute band di qualche formazione famosa, decide di intraprendere la strada delle composizione proprie, dando così prova di non essere composta unicamente da bravi esecutori ma di avere dalla propria anche le idee giuste e una completa fede nel genere. È il caso dei Nightglow, gruppo modenese che attivo dal 2003 si è fatto conoscere come tribute band dei Manowar, ma che in parallelo ha portato avanti la propria attività, fino ad arrivare nel 2013 alla pubblicazione del proprio debutto: 'We Rise'.

Fortemente influenzati dal metal degli anni '80 e sicuramente debitori a Joey DeMaio e compagni, i Nightglow si presentano tramite la Logic(il)logic in grande stile con un album veramente interessante. La band si fa portatrice di un heavy metal ultra-classico, senza per questo disdegnare qualche influenza leggermente più moderna o, per meglio dire, al passo con i tempi, presentandoci otto brani inediti che fanno sì riferimento alle formazioni degli anni d'oro del genere, ma che riescono comunque a suonare fresche e mai ripetitive. Non poco per una band che poteva correre il rischio di essere un mero clone dei quattro di Auburn: i Nightglow non cadono nel tributo mascherato e ci mettono del proprio, prendendo ispirazione anche dalla terra d'Albione in quanto a sonorità e cercando una dimensione tutta loro all'interno dell'underground italiano.

È la title-track "We Rise" ad aprire questi 40 minuti di heavy metal: i Nightglow premono fin da subito il piede sull'acceleratore e, introdotti dal basso di Davide Fantuzzi, ci portano su un heavy metal roccioso e dal taglio moderno, molto ritmato e scandito dall'incessante batteria di Marco Romani. Potente dietro al microfono la voce di Daniele Abate, ruvida e sporca come il genere richiede, mentre un po' troppo nascoste risultano le chitarre del duo Andrea Moretti / Giulio Negrini, capaci di far risaltare il proprio lavoro solo a sprazzi (si vedano le lunghe parti soliste o certe rifiniture sul finale). "Time Lord" spinge ulteriormente in velocità pur rimanendo sulle medesime sonorità classiche, qui esaltate da un'influenza melodica ora più marcata ora meno in favore di una potenza sonora invidiabile, oltre che un finale tutto strumentale in mano ai due axeman che quando vogliono sanno come destare l'attenzione. "Between Heaven & Hell" è il brano più Manowar-oriented del lotto, splendido nelle sue influenze epiche e nel fiero cantato a là Eric Adams di Daniele, mentre particolare è "Evil Dust", brano che fonde più influenze, dal classico heavy melodico al power metal, stentando proprio per questo a decollare. Superiamo metà disco e incontriamo "Shine of Life", brano meno irruento in cui il gusto melodico dei due axeman viene fuori del tutto: sempre ispirati dalle gesta dei quattro di Auburn, i Nightglow convincono con questo heavy metal dalle influenze epiche, in cui non si disdegnano ai refrain più orecchiabili sezioni più tirate e pesanti. È il più classico heavy inglese alla base di "Dreamland", brano che pur meno complesso non delude nella sua interezza, mentre "Don't Cry", traccia dal taglio più moderno, risulta differente da quanto fin qui sentito, confinandolo in un semplice esperimento da parte dei nostri. Con "End of Time" si ritorna sul classico, un brano veloce e irruento ma non privo di inflessioni più melodiche, compresa una calma parte centrale a mostrarci l'enorme versatilità di Daniele dietro al microfono così come quella degli altri quattro musicisti.

In generale è un buon debutto quello dei Nightglow, contenente una serie di brani molto interessanti: non si può ancora dire che il gruppo sia arrivato al massimo della sua forma, ma questo 'We Rise' è sicuramente un buon primo passo che fa solo ben sperare per i cinque di Modena. Se interessati al genere e sostenitori dell'underground italiano non fatevi quindi mancare questo album, altrimenti basterà attendere un paio d'anni per sentire nuovamente parlare dei Nightglow in termini ancora più entusiastici.



Tracklist:
1 - We Rise - 5:17
2 - Time Lord - 4:56
3 - Between Heaven & Hell - 3:58
4 - Evil Dust - 5:08
5 - Shine of Life - 5:20
6 - Dreamland - 4:27
7 - Don't Cry - 3:21
8 - End of Time - 7:20
Formazione:
Daniele "Abba" Abate - voce
Andrea "Moret" Moretti - chitarra
Giulio "GNG" Negrini - chitarra
Davide "Fantu" Fantuzzi - basso
Marco "Riskio" Romani - batteria


 

Attualmente l'inserimento dei commenti è disabilitato per gli utenti non registrati.
Effettua il login o la registrazione per lasciare un commento.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per informazioni sui cookie utilizzati e come cancellarli, leggi la nostra cookie policy.

Accetto cookies da questo sito.